Cambiare casa: come far abituare il cane

Se siete in procinto di trasferirvi e quindi cambiare casa, una delle innumerevoli preoccupazioni riguarda il vostro amico a quattro zampe. Come reagirà? Come fargli capire cosa sta succedendo? Riuscirà ad ambientarsi nella nuova abitazione? Ecco alcuni consigli utili su come cambiare casa evitando lo stress e facendo in modo che sia una piacevole esperienza anche per Fido.

Casa nuova: Lavori in corso

Fase preliminare del trasloco: state sistemando la casa nuova, magari imbiancando e facendo piccoli lavoretti?

Portate con voi il vostro cane : innanzitutto gli servirà per prendere familiarità con il muovo ambiente e si sentirà partecipe di qualcosa di nuovo che sta arrivando.

In questo modo infatti, quando sarete in procinto di cambiare casa, non si troverà completamente spaesato in un posto che non conosce.

La sicurezza durante il trasloco

Cambiare casa implica un gran movimento di oggetti, scatoloni ma anche tanto stress e stanchezza.

Fate in modo che il vostro cane abbia sempre un punto di riferimento dove rifugiarsi se dovesse avere paura o semplicemente se volesse riposare lontano dai rumori e dal caos.

Pertanto lasciate a disposizione la sua cuccia, le sue ciotole e cercate di non disturbarlo se non necessario.

Infine siate voi i primi ad evitare lo stress: aiutare a mantenere un clima disteso e rilassato aiuterà il cane a capire che va tutto bene!

Casa nuova, finalmente!

Ecco alcuni consigli utili una volta che vi sarete trasferiti nella casa nuova:

Mantenere la routine

Cambiare casa, non la routine!

Cercate infatti di mantenere il più possibile le vecchie abitudini: l’orario dei pasti, delle uscite e delle attività durante il giorno.

Se avete un giardino e il cane era abituato a potervi accedere in autonomia, fate in modo che possa continuare a farlo.

Mantenere lo stesso stile di vita infatti aiuterà il cane a vivere il cambio casa con meno stress.

Usare gli stessi accessori

Se per voi cambiare casa significa cambiare arredamento, avere cose nuove e liberarvi di quelle vecchie con piacere, per il vostro cane non é cosi!

Continuate ad usare le stesse cucce, cuscini, coperte che essendo impregnati del loro odore li aiuteranno ad accettare più facilmente il nuovo ambiente ma anche le stesse ciotole e gli stessi giochi.

Puo essere utile anche cercare di ricreare una zona o un angolo simile a quello che aveva nella vecchia abitazione.

Esplorate insieme..il pavimento

Uno dei modi per trasformare velocemente la nuova casa in un ambiente familiare é quello di passare un po’ di tempo con il vostro cane niente meno che sul pavimento.

Questo infatti aiuterà a diffondere velocemente i vostri odori e vi farà inoltre passare un po’ di tempo di qualità in compagnia del vostro amico a quattro zampe.

In vostra assenza lasciate il Kong a disposizione

Come abbiamo raccontato in questo articolo, per combattere l’ansia da separazione, possiamo avvalerci di validi aiutanti quali i giochi che nascondono del cibo.

Soprattutto per i primi periodi, quando vi assentate da casa, lasciate a disposizione il Kong pieno di cibo oppure nascondete per casa dei piccoli premi.

Questo aiuterà il cane a gestire la sua ansia da separazione, lo stancherà mentalmente e lo terrà impegnato durante la vostra assenza!

Tante coccole e tanto amore

L’ultimo ingrediente ma quello più importante per cambiare casa in modo sereno con il vostro cane é sicuramente quello di trascorrere tanto tempo insieme, giocare e farvi tante coccole.

Fare attività con il cane rafforza il vostro legame, elimina lo stress della vita quotidiana e mette le basi per un rapporto di fiducia e dì complicità.

Sicuramente un trasloco porta via tante energie e tanto tempo libero.

Concedetevi però dei momenti solo per voi due, per fare una passeggiata o per giocare, esattamente come avete sempre fatto, e vedrete che i cambiamenti verranno accettati più facilmente.

Infine siate pazienti: i cani non sono tutti uguali, c’è chi ci mette pochi giochi ad ambientarsi e chi potrebbe metterci dei mesi, ma la vostra pazienza con il tempo pagherà.

Leggi anche l’ articolo Ansia da separazione: cos’è e come si cura

Lascia un commento