Quante volte si fa il bagno al cane?

Quante volte ci siamo posti questa domanda? Tantissime. La verità é che una risposta per tutti non esiste, se non una molto semplice: il bagno al cane si fà quando serve.

Lavarsi, un istinto innato.

L’istinto naturale fa già la gran parte del lavoro: il cane infatti provvede da solo leccandosi all’igiene quotidiana, aiutando la pulizia di pelo e pelle e favorendo la continua rigenerazione dei follicoli piliferi.

Il bagno é quindi una cosa in più, che aiuta il processo di pulizia e che dobbiamo fare ogni qualvolta si renda necessario, secondo alcuni fattori che andremo a considerare.

La giusta dose di lavaggi da parte nostra, o di un professionista della toelettatura, aiuterà il pelo del cane a mantenersi lucido e morbido, ma un eccesso potrebbe ottenere un effetto contrario, come irritazioni della pelle, sfoghi, allergie.

Dove vive il cane?

La prima questione da considerare é dove vive il nostro cane.

Se il cane vive in casa, e magari ha libero accesso a divani e letti, la necessità di tenerlo molto pulito aumenta, ed ecco che un bagnetto si rende necessario almeno una volta ogni 1-2 mesi.

Nel frattempo per mantenerlo pulito sarà sufficiente passarlo ogni giorno, al rientro dalle passeggiate, con apposite salvietta umide, o con prodotti naturali, e spazzolare regolarmente il pelo ogni settimana.

La regola é semplice: se al rientro avvertite chiaramente l’odoro del cane, é giunto il momento di lavarlo.

Se il cane vive regolarmente fuori invece i bagni potranno essere meno frequenti e la pulizia meno minuziosa, e sarà piu naturale anche per noi consentire al cane di fare..il cane, rotolandosi, grattandosi e sporcandosi senza che ci prenda un colpo.

Il contatto con l’aria aperta farà puzzare meno il pelo e quindi il bagno al cane diventerà necessario un paio di volte l’anno, per aiutare la muta e per rimuovere lo sporco accumulato.

Questione di razza

La pulizia del pelo é anche una questione di razza.

Cani con il pelo duro e ruvido hanno la fortuna di sporcarsi meno. Questo tipo di pelo infatti é repellente verso le particelle di sporco e molto spesso basta una bella spazzolata per farlo tornare lucido. Alcune razze tra quelle con il pelo più facile da tenere pulito includono i Collie, gli Sheltie e i Labrador.

I cani invece che non hanno sottopelo come Maltese o Yorkies, necessitano di bagni più frequenti.

La frequenza del bagno al cane, infine, non dipende dalla lunghezza del pelo.

Allergie umane

Se avete un allergia o vivete con qualcuno che é allergico al pelo del cane, la pulizia sarà una delle vostre priorità.

Non é esattamente il pelo del cane a procurare allergia, ma la saliva che rimane sul pelo quando si lecca oppure la polvere che rimane incastrata in esso.

In questo casi un lavaggio frequente é fondamentale.

Ci sono persone che pur essendo allergiche non rinunciano a vivere con un amico peloso, semplicemente stando attente alla pulizia del loro manto.

Le attività

Ci sono cani “da divano”, cani che non amano uscire quando piove e cani che sono così schizzinosi da non sedersi per terra se non hanno un comodo appoggio.

E poi ci sono cani che invece amano rotolarsi nell’erba, nel fango, sull’asfalto, addirittura nella cacca. Cani che corrono nell’erba, che si tuffano in qualsiasi specchio d’acqua o che amano infilarsi sotto mobili e piccoli pertugi.

Se il vostro cane é un esploratore nato, sicuramente ha bisogno di essere lavato più spesso.

Spazzolatelo frequentemente e se necessario, un bagno al cane ogni paio di mesi sara sufficiente a mantenerlo pulito, anche se vive in casa con voi!

Cani con allergie o pelle sensibile

Ci sono poi amici a quattro zampe colpiti da problemi di allergie. I cani infatti manifestano reazioni allergiche attraverso la pelle, che può cambiare colore, irritarsi oppure desquamarsi. In questi casi, previa consulto del veteriario, vanno lavati frequentemente per tenere la pelle più pulita possibile, utilizzando dei prodotti specifici per combattere questo tipo di irritazioni.

Il lavaggio puó essere ripetuto anche 1-2 volte alla settimana, in alcuni casi per un periodo di tempo, in altri per sempre.

Scegliere il prodotto giusto

Una regola fondamentale quando si fa il bagno al cane, é saper scegliere lo shampoo giusto.

I cani, diversamente dagli umani, hanno un ph della pelle piuttosto basico e per questo motivo necessitano di prodotti formulati appositamente per loro. Generalmente gli shampoo si distinguono in:

  • Shampoo normale, adatto ad una pelle sana senza esigenze specifiche. Si può trovare completamente naturale, oppure sbiancante.
  • Shampoo delicato, per cani con pelle sensibile ma clinicamente sana. Consigliamo Ribes Pet e Leniderm.
  • Shampoo ad uso veterinario, cioè prescritto dal veterinario e acquistato in farmacia per curare una problematica diagnosticata.

Non utilizzate MAI prodotti ad uso umano.

Leggi anche Toelettatura: quando é utile?

Lascia un commento